Dialog Logo

pianificazione programmazione e controllo aziendale

Chiunque voglia investire nella realizzazione e nella crescita di un’impresa deve avere particolare cura degli strumenti che ha a disposizione per farlo. Non si tratta solo di conoscerli, ma anche di padroneggiarli con consapevolezza ed efficacia. Ci sono delle attività che un imprenditore – che sia aspirante o con esperienza non fa differenza – deve svolgere con regolarità e maestria per portare avanti la sua vision e la sua mission. Si tratta della pianificazione, della programmazione e del controllo aziendale che risultano tra loro legati tanto che un buon software per il controllo di gestione dà la possibilità di occuparsi di tutti e tre questi aspetti. La Suite E3 di Dialog è tra questi.

Pianificazione, programmazione e controllo di gestione: facciamo chiarezza

Quando parliamo di “pianificazione aziendale” parliamo di sistemi di programmazione e controllo attraverso i quali un’azienda definisce i suoi obiettivi, analizzandone la fattibilità, le strategie più adatte a realizzarlo, i possibili vantaggi che ne deriverebbero ed i tempi necessari al loro conseguimento. È un processo grazie al quale si stabilisce uno scenario futuro desiderabile per la crescita dell’impresa. Costituisce una fase molto delicata per la vita di un’impresa e non è difficile capire perché.

Alla pianificazione segue la programmazione, ovvero, il processo di attuazione nel breve termine di quanto pianificato. È il momento in cui vengono messe in campo le diverse strategie e le risorse volte al raggiungimento degli obiettivi che sono stati prefissati nella pianificazione. Una volta fatto questo, non resta che verificare gli effetti delle azioni che sono state eseguite, valutarne l’efficacia e verificare la congruenza tra quanto pianificato e quanto ottenuto. E cos’è il controllo di gestione se non l’operazione di monitoraggio delle operazioni compiute dall’azienda per il raggiungimento di scopi pianificati?

Insomma, pianificazione, programmazione e controllo di gestione sono processi che si integrano tra loro. Ognuno è conseguente e indispensabile all’altro. Ecco perché si parla di sistemi di pianificazione e controllo.

Le fasi della pianificazione aziendale

Da come l’abbiamo definito, è chiaro che il processo di pianificazione aziendale è molto delicato e complesso tanto da poter essere scomposto in fasi concatenate. Ogni fase è caratterizzata da un orizzonte temporale che si va restringendo sempre di più. Inoltre, passando dall’una all’altra, aumentano i dettagli relativi alla definizione degli obiettivi ed ai mezzi per conseguirli. Si parla così di:

  • pianificazione strategica: traduce la mission aziendale in obiettivi strategici da conseguire a lungo termine. È importante perché definisce il futuro dell’azienda stessa ed orienta tutto il suo operato;
  • pianificazione tattica: gli obiettivi strategici sono “tradotti” in azioni concrete da effettuare entro un determinato periodo di tempo, solitamente dai 3 ai 5 anni;
  • pianificazione operativa: a loro volta, gli obiettivi tattici sono convertiti in obiettivi operativi, ovvero scopi da raggiungere entro un periodo breve tramite una serie di azioni strategiche. Solitamente questo periodo bene comprende un anno di lavoro.

Pianificazione, programmazione, controllo, organizzazione e gestione aziendale

Il processo di pianificazione (planning) non deve essere vissuto come una semplice “previsione” di come sarà l’azienda dopo un certo numero di anni o di cosa succederà al campo entro cui l’azienda stessa opera. La pianificazione, la programmazione ed  il controllo vanno oltre e dimostrano una vera e propria volontà di “manovrare” l’evoluzione dei fenomeni a proprio vantaggio.

Ecco perché i sistemi di pianificazione e controllo si occupano di definire:

  • obiettivi da conseguire nel tempo che devono essere SMART (specific, measurable, achievable, realistic, time-bound ovvero specifici, misurabili, raggiungibili, realistici e legati a delle tempistiche definite);
  • attività che consentano la realizzazione dell’obiettivo ed il conseguimento delle risorse (umane, materiali, finanziarie, ecc.) necessarie;
  • tempi, modalità e organizzazione per acquisire ed impiegare le risorse.

Tutte queste decisioni sono formalizzate con la redazione di piani che interessano le singole aree. Messi insieme, essi formano il piano aziendale che deve essere approvato dall’organo competente. È compito di chi si occupa del controllo di gestione verificare nel tempo che la pianificazione venga rispettata.

La Suite E3 come sistema di programmazione e controllo

Se sei alla ricerca di sistemi di pianificazione e controllo, Dialog ti offre la soluzione perfetta: la Suite E3 è un software di performance management che, sulla base delle più avanzate soluzioni tecnologiche ed applicative, fornisce un supporto completo, modulare e personalizzabile per analisti, controller e manager. La piattaforma E3 presidia e supporta un sistema completo ed integrato di planning (comprensivo di budget e forecast), di consuntivazione, di controllo e di eventuale revisione dei piani.

Una soluzione semplice e intuitiva per un processo di fondamentale importanza è ciò che ci vuole. Pianificazione, programmazione e controllo di gestione non sono operazioni da prendere alla leggera. Quindi, perché non aiutarsi usando i migliori strumenti che si trovano in commercio?

 

Iscriviti alla nostra newsletter