Dialog Logo

forecast-aziendale

Tra gli strumenti utili per portare avanti la gestione di un’azienda rientra anche il forecast aziendale. Di conseguenza, esso non poteva non rientrare tra le funzioni comprese nella Suite E3, il software ideato da Dialog che si occupa del controllo di gestione. 

Ma in che cosa consiste il forecasting? E quale beneficio comporta il forecast per l’economia di una società?

Forecast: significato e definizione

Per quanto il termine possa risultare un po’ oscuro a chi non è pratico di realtà imprenditoriali, una volta tradotto dall’inglese potrebbe risultare molto più chiaro ed esplicito. Si capirà immediatamente perché è uno degli strumenti più usati nell’ambito del controllo di gestione. 

Il significato di “forecast” è “previsione”. Una delle attività che non può assolutamente mancare quando si parla di un’azienda è la pianificazione del futuro sulla base dell’andamento del mercato e anche dell’impresa stessa. Naturalmente, questa previsione del futuro non può essere sicura, ma deve basarsi su ipotesi quantomeno probabili. Lo strumento che permette tutto questo è il forecast aziendale, un bilancio pre-consultivo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria sulla fine dell’anno. 

Forecast, Budget e Business Plan: tutte le differenze

Mandare avanti un’azienda è un processo molto complesso, ecco perché si divide l’attività imprenditoriale in aree e ci si avvale di tantissimi strumenti il cui scopo può essere confuso o frainteso. Quindi, è meglio chiarire quali siano le differenze tra forecast e Business Plan e anche tra forecast e budget.

Il Business Plan è il documento che descrive il progetto imprenditoriale. Al suo interno si trovano obiettivi, strategie, marketing, budget e previsioni finanziarie che servono per guidare l’imprenditore nella conduzione della sua azienda. Forecast e budget sono due strumenti molto utili per redigere la parte numerica del Business Plan, quella dove si analizzano gli aspetti economici dell’azienda.  

I processi di budgeting e di forecasting sono importanti per definire i KPI, gli obiettivi a breve termine che servono per analizzare il rendimento aziendale e definire le future attività da portare a termine. Il budget dà indicazioni su quali sono le spese che l’impresa dovrà sostenere e quali sono i ricavi attesi. Per essere compilato si serve di flusso di cassa, obiettivi, previsioni e posizione finanziaria dell’azienda ed interessa soprattutto gli anni successivi. 

Il forecast aziendale, invece, è una previsione sull’anno in corso che si basa sui valori dell’anno passato e sul valore tendenziale dell’anno in corso. 

Forecast aziendale: quando e come si prepara

Il forecast andrebbe redatto almeno due volte l’anno: alla fine del secondo e del terzo trimestre, quindi a luglio e ad ottobre/novembre. Il primo forecast è molto utile perché permette di fare le prime considerazioni sull’andamento e permette di pianificare l’ultima parte dell’anno. Invece, il secondo documento è fondamentale perché chiude le attività per l’anno in corso e programma quelle da portare avanti nel successivo.

Da questo emerge che gli scopi del forecast sono essenzialmente due:

  • gestire al meglio gli ultimi mesi dell’anno, ideando delle strategie adeguate (la riduzione di alcuni costi, la spinta di alcuni settori in particolare, ecc.) per cercare di realizzare al meglio gli obiettivi che ci si era posti;
  • iniziare a ragionare sull’andamento dell’anno successivo parlando di scostamenti di budget, di previsioni di chiusura, di correzioni e di nuove strategie. 

Per realizzare un forecast aziendale bisogna tener conto dei dati del consuntivo per i mesi terminati e del budget che descrive l’andamento economico dei mesi in corso. Molto importante è la valutazione del valore tendenziale che offre a chi si occupa di questo strumento (solitamente l’imprenditore stesso),  un punto di riferimento imprescindibile per calcolare il forecast.

La Suite E3 per il forecasting

È chiaro che un buon software per il controllo di gestione non può esimersi dall’offrire soluzioni per il forecasting visto che si tratta di una delle attività principali di organizzazione di un’azienda. 

Ecco perché nella Suite E3 di Dialog è presente una funzionalità simile che permette di calcolare il forecast ed il budget di singole aree aziendali. La piattaforma dà anche la possibilità di sviluppare un budget integrato che permette di coordinare le diverse aree al momento della pianificazione. 

La Suite E3 dà anche la possibilità di creare degli ambienti simulativi che permettono di studiare scenari diversi con tutte le loro variabili. Questi scenari sono costruiti sulla base di statistiche e sono molto utili per prevedere il possibile corso degli eventi. Fare forecast in economia è difficile perché l’andamento del mercato è sempre molto variabile, quindi avere a disposizione uno strumento che ti permette di valutare più possibilità è molto utile.

Ciò che rende la piattaforma E3 uno dei migliori software in circolazione è la possibilità di trattare grandi moli di dati rappresentandoli in modo semplice ed accessibile. Inoltre, la Suite dispone di funzioni di parametrizzazione “user driven” che consentono a chi ne fa uso autonomia e flessibilità. 

Hai bisogno di aiuto per il controllo di gestione ed il forecasting della tua azienda? Affidati a Dialog!

Iscriviti alla nostra newsletter